Cosa mangiare a Bilbao?

Per vivere veramente Bilbao e i paesi baschi è necessario sperimentare la cucina tipica locale.

Qualsiasi bar del Casco Viejo serve i “pintxos” ( simili alle tapas), piccole bruschette condite con pesce, formaggio od olive, citati come la miglio esperienza eno-gastronomica del mondo da Lonely Planet Traveller UK,  accompagnati spesso da “sagardoa“, la bevanda tipica basca a base di cedro.

Il prodotto tipico d’eccellenza della cucina basca è sicuramente il pesce atlantico, alla base di uno dei piatti più celebri, il “pil pil“, baccalà cotto a tranci molto lentamente in tegami di coccio con abbondante aglio soffritto e pepe nero, che può essere servito in versione tradizionale o nella sua variante “pil pil è la vizcaina“, che è sempre baccalà, ma  accompagnato da un condimento a base di peperoncini rossi, cipolle, aglio e prosciutto crudo più comunemente conosciuto come ” salsa di Bilbao” .

Altri piatto caratteristici  sono il “gulas“, anguilla cucinata in olio di oliva, peperoni rossi, il nasello in salsa verde e i “chipirones en su tinta“, calamari cucinati nel loro stesso inchiostro, da accompagnare con il vino basco per eccellenza il “Txacoli”, un bianco leggermente frizzante che si produce nelle aree di Alava, Getaria e Vizcay. Dai riflessi verdolini ed elevata acidità, questo tipo di vino si beve fresco ed accompagna solitamente i piatti di pesce e i frutti di mare.

Da provare sono anche il prosciutto di Bayonne o le salsicce,

Tra i posti  più caratteristici dove mangiare c’è sicuramente  La Ribera, il ristorante dell’omonimo mercato cittadino, dove si mangia alla carta ma soprattutto si possono portare le materie prime preferite, dopo averle personalmente scelte e comprate al mercato soprastante. L’edificio è stato progettato da Pedro de Ispizua: ha una facciata esterna in stile Art Decó e, oltre ad affacciarsi sul fiume, offre una vista perfetta sull’antica chiesa-fortezza e sul ponte con i lupi, simbolo della città.

Se ti intessa cosa vedere a Bilbao, leggi l’articolo ”  Bilbao:un museo a cielo aperto

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *